torta salata alla ricotta
Ricette

Torta salata e sana alimentazione?

La torta salata è una ricetta semplice, adatta a una sana alimentazione e pratica anche per un pranzo fuori casa in ufficio o all’università (ahimè non in questi giorni, ma speriamo presto!). Infatti è buona anche consumata fredda e si può tenere fuori dal frigo tranquillamente.

Spesso si tende a non considerarla tra le possibili scelte di una alimentazione sana nè tantomeno di una dieta di dimagrimento, principalmente perché non si sa come inserirla all’interno di un pasto (è un piatto unico? é una fonte di carboidrati? o di proteine? qual è la porzione giusta?).
Partiamo dal presupposto che la risposta dipende dagli ingredienti, dalle quantità che decidiamo di utilizzare e dalla porzione che consumiamo, che non sempre sono adatti a una dieta di dimagrimento o in linea con una sana alimentazione (se ad esempio esageriamo con affettati e insaccati, wurstel e formaggi). Però, se utilizziamo pochi ingredienti semplici può essere un piatto completo ed equilibrato.

Ingredienti

  • 150 g di farina integrale
  • 100 ml di acqua
  • 1 cucchiaio d’olio
  • sale qb
  • 250 g di ricotta
  • 200-300 g di bietole
  • 2-3 cucchiai di parmigiano

Procedimento

  • Impastare farina, acqua, olio e sale fino ad ottenere una palla morbida ma non appiccicosa*
  • Stendere l’impasto con l’aiuto di un mattarello, creando una sfoglia leggermente più grande rispetto al diametro della tortiera che si intende utilizzare
  • Porre l’impasto nella tortiera, sulla carta da forno, ricoprendo anche i bordi
  • Tagliare le bietole private delle coste e frullarle (sconsiglio la cottura per evitare che il ripieno risulti troppo acquoso)
  • Mescolare le bietole con la ricotta e il parmigiano grattugiato
  • Stendere il ripieno all’interno dell’impasto livellandolo con un cucchiaio o una spatola
  • Ripiegare i bordi dell’impasto sul ripieno e spennellarli con albume d’uovo
  • Infornare a 200 gradi per 30 minuti (temperatura e durata possono variare in base al forno)

Come inserirla in un pasto

Come porzione in linea generale si può considerare mezza torta salata a persona (anche se dipende ovviamente dai fabbisogni individuali) se la utilizziamo come piatto unico (l’impasto fornisce carboidrati, la ricotta e il parmigiano proteine e grassi e l’olio grassi), a cui è consigliabile aggiungere una porzione di verdura condita, affinché il pasto sia più saziante.
In alternativa, se ne consumiamo solo una fettina possiamo considerarla una parte della quota di carboidrati del pasto, sostituendola o accompagnandola (a seconda della dimensione della fetta e dei nostri fabbisogni) a del pane o a un altro alimento che apporti carboidrati complessi (ad esempio delle patate) e affiancandola a un secondo piatto e a una porzione di verdura. Entrambe queste modalità di consumo della torta salata sono compatibili con una sana alimentazione.

E’ possibile prepararla con altre verdure di stagione ed effettuare diverse combinazioni proteiche, come 250 g di ricotta + 1 uovo / 3 uova + 2-3 cucchiai di parmigiano / 120-150 g di feta + 1 uovo.

* se consumata occasionalmente è possibile utilizzare la pasta brisé confezionata, cercando di selezionare i prodotti con il minor numero possibile di ingredienti. Tuttavia, se possibile, sempre meglio prepararla in casa.


Condividi l'articolo